Le formalità fiscali sono tutte prorogate. Le tasse invece si pagano

Queste le formalità fiscali rinviate:

• Slitta dal 7 al 31 marzo 2020 il termine entro cui i sostituti d’imposta devono trasmettere la Certificazione Unica: sono interessati circa 4,3 milioni di sostituti d’imposta tra datori di lavoro e enti pensionistici.
• Passa dal 28 febbraio al 31 marzo la scadenza entro cui gli enti terzi devono inviare i dati utili per la dichiarazione precompilata.
• È prorogato dal 15 aprile al 5 maggio 2020 il giorno in cui sarà disponibile per i contribuenti la dichiarazione precompilata sul portale dell’Agenzia delle entrate.
• Passa dal 23 luglio al 30 settembre 2020 la scadenza per l’invio del 730 precompilato.
• Passa dal 30 settembre al 10 ottobre il termine ultimo per comunicare al proprio datore di lavoro l’eventuale riduzione del secondo acconto Irpef dovuto. L’acconto dovrà comunque essere versato entro il 15 novembre.
Queste le scadenze in essere:
Il  16 marzo è  il termine per il saldo dell’Iva, emerso dalla dichiarazione annuale del periodo di imposta del 2019,
La scadenza riguarda i titolari di partita Iva ed è obbligatoria solo nel caso in cui l’importo dovuto superi i 10,33 euro, ovvero 10,00 euro a causa degli arrotondamenti effettuati nella dichiarazione dei redditi.